Giovedì 29 ottobre 2020
ore 21.00
Teatro delle Arti di Lastra a Signa – Via Giacomo Matteotti, 8, Lastra a Signa FI

L’associazione culturale La Nottola di Minerva, nell’ambito del progetto Felicità metropolitane, in collaborazione con la Città Metropolitana, presenta

Felicità Metropolitane – Letizia Fuochi

Performance letteraria e musicale dell’autrice.

Retrospettiva tra saggezza antica e quotidiane perplessità: da Seneca a Fosco Maraini, da Ivano Fossati a Pablo Neruda, da Nazim Hikmet a Lucio Battisti. Voce e chitarra.

Che cos’è La felicità? un’idea, un’illusione, un desiderio oppure un’aspirazione? E Di cosa abbiamo bisogno per essere felici? Questa vuol essere una piccola intima retrospettiva tra saggezza antica e quotidiane perplessità – molto calzante in questo presente così complesso – alla ricerca della più ineffabile e desiderata delle emozioni, attraverso parole, racconti, poesie e canzoni. Da Seneca a Fosco Maraini, da Ivano Fossati a Pablo Neruda, da Nazim Hikmet a Lucio Battisti.

Racconti, poesie, canzoni.

“Nel mio lungo e solitario periodo di quarantena, in quei giorni inquieti ed inaspettati tra marzo e maggio, ho pensato a quanto irraggiungibile potesse essere l’idea di una qualsiasi piccola forma di felicità quotidiana. Poi ho velocemente convertito la solitudine in libertà, i muri di casa non in un limite ma in una protezione, e la fantasia nell’occasione giusta per trasformare la fortuna di trovarmi integra nel dovere di mettere a disposizione dell’altro il mio mestiere di cantastorie. Con la voce e la musica – cantando per i carcerati, per il personale sanitario e per tutti coloro che stavano combattendo attivamente contro il micidiale virus regale – ho iniziato a condividere emozioni attraverso i canali virtuali (così lontani dalla mia natura) per infondere coraggio e sentirci uniti. E per un attimo sono riuscita a sfiorare un’inedita ma significativa forma di felicità. Quella di esserci nonostante l’impossibilità di farlo”.

 

LETIZIA FUOCHI

Cresciuta con le canzoni dei cantautori italiani, comincia all’età di 9 anni a cantare e suonare la chitarra; nipote di Tina Allori, una delle cantanti più note della RAI degli anni Cinquanta, nel luglio 1998 arriva l’incontro che le cambierà la vita e la dimensione interiore: quello con Fabrizio de André. Sulla scena dal 1999, autrice ed interprete di numerosi spettacoli di Teatro Canzone, ha pubblicato Finito e infinito (2002), Come l’acqua alla terra (2009), il singolo Donna Nigra (2010) diventato la canzone manifesto per la battaglia internazionale contro le mutilazioni genitali femminili e INCHIOSTRO (2017) album prodotto da Materiali Sonori storica etichetta Indi Italiana. Da gennaio 2011 inizia il sodalizio artistico con il chitarrista Francesco Frank Cusumano; voce ufficiale dei Mediterranea, band tributo di Fabrizio de André, nel settembre 2014 ha aperto il concerto di Mauro Pagani presso la Cavea del Nuovo Teatro dell’Opera di Firenze. Nel 2014 ospite di Anna Bischi Graziani al Festival Pigro intitolato al marito Ivan Graziani, nel Maggio 2015 è in scena al fianco di Enzo Decaro per uno spettacolo dedicato al cantautore abruzzese. Nel settembre 2019 suona con il figlio di Ivan Graziani e la sua storica Band. Nell’ottobre 2019 debutta con uno spettacolo su Chavela Vargas nel centenario della sua nascita.7

 

Ingresso libero fino a esaurimento posti – È consigliata la prenotazione biblioteca@comune.lastra-a-signa.fi.it– 055 327 0124

Gli eventi si svolgeranno in presenza nel rispetto delle regole anti-covid

Gli eventi saranno registrati e pubblicati sul canale YouTube della Nottola di Minerva

evento facebook